Tu sei qui

Direzione Centrale per gli affari generali e per la gestione delle risorse finanziarie e strumentali

Prefetto vacante

La Direzione, attraverso le sue diverse articolazioni,  svolge attività  di supporto alle esigenze di tutto il Dipartimento, nonché attività di gestione del patrimonio mobiliare e immobiliare del Fondo Lire U.N.R.R.A. finalizzato a scopi di natura assistenziale.

Nello specifico, l’Ufficio di staff pianificazione coordinamento e gestione delle risorse umane e strumentali si occupa della gestione del personale del dipartimento appartenente alla carriera prefettizia, a quella dirigenziale e non dirigenziale contrattualizzata. In base alle disposizioni del Capo Dipartimento, cura i provvedimenti di assegnazione alle varie strutture, di attribuzione degli incarichi dirigenziali, di  mobilità interna. Inoltre cura le relazioni sindacali in particolare sugli aspetti legati alla contrattazione decentrata, nonché le necessità logistiche e strumentali di tuti gli uffici del Dipartimento ed in questo ambito si interessa, per le parti comuni, di promuovere gli interventi finalizzati alla tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81.

Per quanto riguarda le attività di tipo finanziario, l’Area I bilancio e consuntivo provvede alla formazione e alla gestione della parte del bilancio del Ministero,  relativa ai capitoli di competenza del Dipartimento con le relative previsioni, assestamenti, variazioni e consuntivi.

All’Area II è invece attribuita la competenza in merito alla gestione del  patrimonio “Riserva” del Fondo lire UNRRA, istituito dall’accordo 8 marzo 1945 fra il Governo italiano e l’Amministrazione delle Nazioni Unite, i cui proventi vanno destinati a scopi di assistenza e di riabilitazione. Con il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 20 ottobre 1994, n. 755, sono stati definiti puntualmente i criteri da adottare per la gestione del patrimonio, le modalità per il perseguimento dei fini della Riserva, le aree di intervento, i destinatari dei finanziamenti, prevedendo che il finanziamento di progetti sia a favore di “persone in stato di bisogno e di fasce sociali deboli”. E’ stata, inoltre, stabilita la rendicontazione all'O.N.U., trattandosi di un Fondo che proviene dall’Amministrazione delle Nazioni Unite.

L’erogazione dei finanziamenti in favore delle categorie sopra indicate, avviene annualmente attraverso apposito bando di gara adottato sulla base della  direttiva, curata dall’Ufficio, con la quale il Ministro dell’Interno definisce le specifiche azioni di intervento, i  criteri e le modalità di concessione dei contributi.

  
ORGANIZZAZIONE

 

SCARICA L'ORGANIGRAMMA (PDF)