Tu sei qui

Direzione centrale per le politiche dell'immigrazione e dell'asilo

La Direzione Centrale per le Politiche dell'immigrazione e dell'asilo concorre alla definizione delle politiche migratorie del Governo

Prefetto Mara Di Lullo

 

La Direzione Centrale per le Politiche dell'immigrazione e dell'asilo concorre alla definizione delle politiche migratorie del Governo, in un'ottica globale, che vede il Ministero dell'Interno impegnato sia a perseguire i tradizionali obiettivi dell'ordine e della sicurezza pubblica - attraverso l'attività di contrasto alla immigrazione clandestina ed ai reati connessi - sia a favorire l'accoglienza e l' integrazione degli immigrati che soggiornano legittimamente nel nostro Paese, mirando ad assicurare quel quadro di coesione sociale che è parte essenziale di un più ampio concetto di sicurezza.

In tale ottica, la Direzione Centrale per le Politiche dell'immigrazione e dell'asilo svolge funzioni di analisi e programmazione delle politiche migratorie, di monitoraggio ed impulso delle politiche di integrazione degli stranieri, in special modo attraverso i Consigli Territoriali per l'immigrazione.

Tali organismi, istituiti presso tutte le Prefetture, svolgono compiti di analisi delle esigenze e di promozione degli interventi da attuare a livello locale' e rappresentano strumenti fondamentali per la concreta attuazione delle politiche dell'immigrazione sul territorio.

La Direzione Centrale per le Politiche dell'immigrazione e dell'asilo concorre all'analisi per la determinazione dei flussi di ingresso dei lavoratori stranieri nel territorio nazionale e partecipa - insieme agli altri competenti organi dell'Amministrazione centrale - al coordinamento delle attività svolte in attuazione della normativa in materia di immigrazione e asilo, coordinando, in particolare, le attività  degli Sportelli Unici per l'Immigrazione.

L'Area della direzione centrale competente in materia di contenzioso ha realizzato un massimario giurisprudenziale ragionato ad uso degli Sportelli Unici, attualmente in fase di aggiornamento.

Il direttore centrale stipula Protocolli d’Intesa con associazioni, patronati e società aventi ad oggetto la collaborazione tra le parti per l’attuazione delle procedure disciplinate dall'art. 27 del T.U. Immigrazione  relativamente all’ingresso ed al soggiorno di cittadini stranieri in possesso di particolari profili professionali.

La Direzione assicura, inoltre, la partecipazione dell'Italia alla Rete Europea delle Migrazioni  (European Migration Network) il cui compito è fornire informazioni aggiornate, oggettive, affidabili e confrontabili sui temi relativi alle migrazioni e all’asilo, mettendole a disposizione dei decisori pubblici a livello nazionale e comunitario. Punto di Contatto Nazionale per l’Italia dal 1° aprile 2014 al 31 dicembre 2016 è il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) Dipartimento Scienze umane e sociali - Patrimonio culturale.

 L'Area I della Direzione centrale si occupa del contenzioso in merito alle procedure di ingresso di stranieri nel territorio italiano

La Direzione centrale, dopo aver contribuito alla realizzazione del "Rapporto sull’accoglienza di migranti e rifugiati in Italia. Aspetti, procedure, problemi", pubblicato anche in lingua inglese ed aggiornato con i dati relativi al dicembre 2015, ha attivato, per il tramite delle prefetture una ricognizione delle buone pratiche poste in essere sui territori in materia di accoglienza e integrazione.

  
ORGANIZZAZIONE

SCARICA L'ORGANIGRAMMA (PDF)