Tu sei qui

Le Chiese

Le chiese del Fondo Edifici di Culto sono oltre settecento e sono tutte di grande interesse storico-artistico. Sono distribuite su tutto il territorio nazionale. Solo a Roma esse sono oltre settanta, tra le quali meritano di essere citate Santa Maria in Ara Coeli, Sant' Andrea della Valle, Santa Croce in Gerusalemme, Santa Francesca Romana, Sant'Egidio a Trastevere, SS. Giovanni e Paolo al Celio, S. Maria sopra Minerva, S. Silvestro, Santa Sabina, i Santi XII Apostoli e San Vitale. Questi edifici religiosi custodiscono al loro interno straordinarie opere scultoree e pittoriche come ad esempio le famose tele di Caravaggio raffiguranti "la  [s.caterinamagnanapoli] crocifissione di San Pietro" e "la conversione di San Paolo" presenti nella chiesa di S. Maria del Popolo. Nella provincia diNapoli le chiese del F.E.C. sono circa cinquanta, tra le quali San Gregorio Armeno, San Domenico Maggiore e la chiesa di Santa Chiara, con lo splendido "Chiostro delle Clarisse" decorato, nel 1700, con piastrelle maiolicate raffiguranti 64 paesaggi. In Santa Croce a Firenze, si possono ammirare "Le storie della vita di San Francesco" di Giotto ed il crocifisso ligneo di Donatello. In Sicilia il patrimonio del F.E.C. è particolarmente ricco grazie alle 47 chiese della provincia di Palermo (a Santa Maria dell'Ammiraglio, detta "la Martorana", sono conservati splendidi mosaici policromi), alle 42 della provincia di Trapani, alle 41 della provincia di Agrigento, alle 38 della provincia di Siracusa ed alle 15 della provincia di Messina. Chiese di grande pregio artistico non si trovano solo nelle grandi città ma anche in piccoli centri come Teolo, in provincia di Padova, ove importanti artisti quali Bartolomeo Montagna e Paolo Caliari detto "il Veronese" hanno a più riprese decorato la splendida abbazia di Praglia, fondata nel secolo XII.
 
La Direzione Centrale per l'amministrazione del Fondo Edifici Culto, che cura la gestione del Fondo Edifici di Culto (F.E.C.) provvede, con le risorse a disposizione del Fondo stesso, al finanziamento degli interventi di conservazione, manutenzione e restauro sia delle strutture architettoniche, sia delle opere d'arte contenute negli stessi edifici di culto, curando anche la sicurezza del bene con l'installazione d'impianti antifurto.

Le Chiese per Regione

L’abbazia benedettina di Praglia sorge ai piedi dei colli Euganei, lungo l’ antichissima strada che conduceva ad Est. Anticamente detta ” Pratalea” ( attorniata di prati), fu fondata dai Maltraverso negli anni di passaggio tra l ‘ XI ed il XII secolo.

Ubicati nei pressi delle mura trecentesche, il Monastero e la Chiesa di Santa Maria di Vallegloria,  che dal XIV secolo ospitano la Comunità delle Clarisse, erano stati gravemente lesionati dal sisma del 1997.

San Fortunato è, insieme a Santa Chiara della Croce, patrono di Montefalco ed in onore di questo evangelizzatore del IV secolo è stata realizzata intorno al 402, una chiesa, nel luogo ove era stato sepolto.

La sua costruzione è dovuta ai Padri della Compagnia del Gesù che ne posero la prima pietra il 4 maggio 1562. L’edificio, tanto della chiesa come del collegio annesso avanzò relativamente presto, con l’ aiuto economico del vescovo Card.

L’edificazione della chiesa ebbe inizio nell’ anno 1268 per opera di un gruppo di padri carmelitani giunti dalla Palestina, su di un’ area immediatamente al di fuori della II cerchia muraria, area donata loro da certo Cione di Tifa dei Dal Vernaccia.

La chiesa, nota anche come chiesa di Santa Maria Nera, perché nel Seicento una cappella interna fu realizzata ad imitazione della Santa Casa di Loreto che conserva una statua con il volto scuro, prende il nome dalla corte in cui sorge, chiamata anticamente "Rolandinga" per la famiglia...

La chiesa di San Domenico di Pisa si trova in Corso Italia 143. Edificata da Pietro Gambacorti nel 1385 con annesso convento per le monache Domenicane, dove risiedeva la figlia beata Chiara Gambacorti. Le ossa della donna furono ritrovate presso l’altare maggiore.
  

La Chiesa di S.Agostino si trova nell'omonima piazza nel centro storico di Lucca.

Il monumentale complesso architettonico, posto su di una delle cime della dorsale che divide le valli dell’Arno e della Sieve, appartiene all’ordine dei Servi di Maria che nel santuario ha la sua sede.

Il convento di San Lorenzo, con l'annessa chiesa ed il chiostro seicentesco, si trova nel centro storico di Bibbiena, cittadina in provincia di Arezzo. Edificata in forme rinascimentali nel 1474, conserva al suo interno due terracotte attribuite ad Andrea della Robbia.

Pagine