Lingue

Tu sei qui

Avviso pubblico “RELINT 2024"

Procedura selettiva di progetti da finanziare da parte del Ministero dell’Interno – Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione” per la presentazione di proposte progettuali da finanziare a valere sul capitolo di bilancio n. 2371 “Collaborazioni internazionali e cooperazione ed assistenza ai Paesi terzi in materia di immigrazione e asilo, anche attraverso la partecipazione a programmi europei”.

Al fine di contenere le cause dell'aumento dei flussi in arrivo lungo la rotta del Mediterraneo centrale (al 31 dicembre 2023 + 150% rispetto alla stessa data dello scorso anno), nonché di tentare di dare risposta alle crisi in Sudan ed in altri Paesi sub sahariani e ai flussi in transito lungo tale rotta, il Dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione ha disposto un pacchetto di interventi per un valore complessivo di 40 milioni di euro, nei seguenti paesi: Burkina Faso, Camerun, Costa d’Avorio, Egitto, Etiopia, Guinea, Mali, Niger, Nigeria, Tunisia.

L’obiettivo è sostenere interventi di formazione professionale e integrazione lavorativa per cittadini dei paesi target, migranti e rifugiati in transito e stanziali negli stessi, nonché di tutela dei minori non accompagnati nei processi migratori, con un’attenzione particolare alle attività di protezione delle categorie più vulnerabili (rifugiati, sfollati interni, migranti vulnerabili, minori migranti e comunità ospitanti compresi i migranti di ritorno) e di prevenzione dei flussi migratori irregolari lungo la rotta del Mediterraneo centrale.

La proposta progettuale deve essere presentata in via esclusivamente telematica tramite posta elettronica certificata a partire dalle ore 12.00 del 9 luglio 2024 alle ore 12.00 del 19 agosto 2024, pena l’irricevibilità, all’indirizzo relazioniinternazionali@pecdlci.interno.it, indicando espressamente nell’oggetto del messaggio la dicitura “RELINT 2024”.

ATTENZIONE tutta la documentazione inerente questo bando sarà aggiornata nella sezione amministrazione trasparente del sito del Ministero dell'interno all'indirizzo sottostante

Ultima modifica:
09/07/2024 - 10:37