Tu sei qui

Relazioni Internazionali

 

Le principali attività esterne dell’Ufficio Relazioni Internazionali sono:

 

 

Programma di reinsediamento e ammissione umanitaria (“corridoi umanitari”)

 

Il programma nazionale di reinsediamento e ammissione umanitaria italiano permette consente di far arrivare in Europa in condizioni di sicurezza persone bisognose di protezione internazionale, evitando che cadano nelle reti dei trafficanti.

 

 

2015

2016

2017

2018

2019

2020

Beneficiari Programma nazionale

96

537

985

400

471

21

 

 

 

2016

2017

2018

2019

2020

Accolti Corridoi umanitari

 

507

529

781

612

331

Approfondisci scaricando il pdf  Programma di reinsediamento e ammissione umanitaria (“corridoi umanitari”)

 

Cooperazione con i Paesi terzi per la gestione dei flussi migratori e di asilo

 

Scarica il file in pdf dei   Progetti di cooperazione finalizzati al contenimento dei flussi migratori 

Le attività dell’Ufficio Relazioni Internazionali sono in linea con le misure messe in atto dal Governo Italiano al fine di una corretta gestione dei flussi migratori, e non prescindere da una politica di sostegno allo sviluppo che affronti le cause profonde dei movimenti migratori spontanei

 

Il Programma Regionale di Sviluppo e protezione per il Nord Africa

L’Ufficio assicura la realizzazione del Programma Regionale di Sviluppo e Protezione per il Nord Africa (RDPP Nord Africa) per cui l’Italia è capofila di un Consorzio di quattordici Stati Membri e Associati (Norvegia).

Approfondisci scaricando il pdf Cooperazione con i Paesi terzi per la gestione dei flussi migratori e di asilo

 

CAMPAGNA INFORMATIVA sui rischi dell’immigrazione irregolare “AWARE MIGRANTS”

La campagna "Aware Migrants" – finanziata dal Dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione e realizzata dall’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM)- intende sostenere gli sforzi del Governo italiano nell’affrontare il fenomeno della migrazione irregolare lungo le principali rotte migratorie dall’Africa occidentale/orientale che passano per il deserto e il mar Mediterraneo.

 Gli obiettivi specifici della campagna sono:

  • Aiutare i potenziali migranti a prendere decisioni informate e consapevoli avvisandoli dei reali pericoli del viaggio e di come i trafficanti siano totalmente indifferenti le condizioni di sicurezza in cui si svolge il viaggio.
  • Informare correttamente l’opinione pubblica nei paesi di origine, di transito e di destinazione sulle drammatiche condizioni di viaggio dei migranti al fine di accrescere la consapevolezza che l’attuale crisi migratoria è di fatto un’emergenza umanitaria globale.
  • Sostenere iniziative di coesione sociale e di stabilizzazione delle comunità nei paesi di origine e promuovere l’informazione sulle possibili alternative positive.

 

La campagna è stata avviata nel 2016 ed è inizialmente nata come una campagna digitale composta da oltre 200 video-testimonianze di migranti arrivati in Italia, di migranti in transito e di famiglie di migranti nei paesi di origine, dopo esperienze drammatiche di abusi e morti. Oltre alle video testimonianze, il progetto ha visto la produzione di elementi multimediali, come un sito internet interattivo in più lingue collegato a piattaforme di social media; TV e radio spot, talk show e dibattiti, un cortometraggio realizzato in Nigeria “Granma”, video clip e musica con diversi artisti come Cumba Gawlo e Rokia Traore. Le attività di diffusione e disseminazione dei contenuti sono stati garantite nella prima fase del progetto (2015-2020) in Ghana, Senegal, Nigeria, Costa d’Avorio, Egitto, Tunisia e Niger, grazie a diversi canali di comunicazione compresi i social media, TV, radio ed eventi di sensibilizzazione, raggiungendo circa 500.000 persone dall’inizio del progetto. 

Inoltre, la campagna ha cercato di gettare un ponte tra il nord e il sud del Mediterraneo anche per i professionisti dell’informazione coinvolgendo sia i giornalisti dei paesi di destinazione sia quelli dei paesi di origine tramite l’organizzazione di workshop, di formazioni e di incontri di scambio di conoscenze sul tema.

 

Una nuova fase della campagna Aware Migrants è stata avviata a gennaio 2021 per 2 anni, con un focus specifico su 4 paesi in cui si incrociano le rotte del Mediterraneo centrale, occidentale, e in parte anche orientale (Algeria, Egitto, Mauritania e Niger) nell’ambito di un programma più ampio, il Programma Regionale di Sviluppo e Protezione per il nord Africa (RDPP), che ha l’obiettivo di rafforzare la protezione di migranti e rifugiati, migliorandone le condizioni di vita e offrendo loro alternative alla migrazione irregolare lungo la rotta del Mediterraneo centrale. Il Programma supporta, inoltre, servizi di assistenza, coesione sociale e opportunità di lavoro locale, migliorando la condivisione di ricerche, conoscenze e strategie di sostegno ai migranti. 

 

I primi 5 mesi sono stati dedicati a una fase preparatoria, promovendo gli incontri con controparti nazionali, autorità, ONG e associazioni, professionisti media, migranti e comunità locali per pianificare insieme la campagna e identificare i messaggi e i mezzi più adeguati ad ogni contesto.

 

Ulteriori dettagli e aggiornamenti nel sito www.awaremigrants.org ( in lingua inglese) , approfondisci scaricando il pdf.

 

Ultima modifica:
02/08/2021 - 10:10