Tu sei qui

Commissione nazionale per il diritto di asilo

Presidente - Prefetto Saverio Ordine

 

Presidente Supplente Viceprefetto Maria Laura Mammetti

P.E.C.: commissionenazionale@pecdlci.interno.it

Mail: cnarchivio@interno.it

La Commissione nazionale per il diritto di asilo opera nell’ambito del Dipartimento per le libertà civili e l’Immigrazione e costituisce l’Autorità di riferimento del sistema italiano di protezione internazionale, avendo compiti di indirizzo e coordinamento delle Commissioni e delle Sezioni territoriali per il riconoscimento della protezione internazionale, che sono i Collegi competenti al riconoscimento delle varie forme di protezione internazionale.

Difatti nel sistema nazionale di protezione internazionale, la competenza all’esame delle istanze di asilo si fonda normativamente su base territoriale, tramite 41 Organismi collegiali (20 Commissioni e 21 Sezioni) dotate di attribuzioni autonome e allocate nelle province dove è storicamente maggiore la presenza di richiedenti asilo e di sedi di Centri di accoglienza, mentre le competenze decisionali in materia di eventuale revoca e cessazione delle forme di protezione medesime spettano direttamente alla Commissione Nazionale.

La Commissione Nazionale predispone inoltre, in particolar modo a favore dei Collegi territoriali, Linee-guida e attività di formazione ed aggiornamento, nonché monitoraggio della qualità delle procedure e delle attività, al fine del mantenimento di uniformi standard di indirizzo decisionale.

La Commissione Nazionale svolge, poi, importanti compiti di rilevazione statistica circa i dati sulle domande d’asilo e sulle conseguenti decisioni nel nostro Paese e cura la costituzione e l’aggiornamento delle informazioni sui Paesi d’origine dei richiedenti asilo (COI), che sono elementi basilari per le decisioni da assumere nelle varie sedi.

La Commissione Nazionale costituisce, infine, punto di contatto italiano per gli Uffici e le Organizzazioni internazionali attive nel settore (in particolare UNHCR ed EASO), partecipando a network sul tema dell’asilo e svolgendo significative attività di relazione a livello internazionale.

 

Quadro normativo

 Le norme che disciplinano la materia dell’asilo sono, essenzialmente, il decreto legislativo n. 251/2007 (c.d. “qualifiche), e il decreto legislativo n. 25/2008 (c.d. “procedure”) di recepimento delle direttive europee in materia.

Entrambi i decreti sono stati oggetto, nel corso del tempo, di modifiche ed integrazioni.

In particolare, negli ultimi anni si sono succeduti i decreti legge n. 13/2017, convertito nella legge 46/2017 e n. 113/2018, convertito nella legge n. 132/2018, che, incidendo profondamente sull’attività dei Collegi territoriali, hanno rispettivamente determinato il potenziamento delle attività dei Collegi stessi e l’accelerazione delle procedure di riconoscimento della protezione internazionale.

Più recentemente, poi, il decreto legge n. 130/2020, convertito nella legge n. 173/2020, ha ulteriormente ampliato le competenze delle Commissioni e delle Sezioni Territoriali, nel quadro di un più ampio ambito di casistiche per il riconoscimento del divieto di respingimento di cittadini stranieri (principio del “non refoulement”).

Il personale che, a vario titolo, presta servizio presso la Commissione Nazionale e nei Collegi territoriali, è chiamato ad osservare un Codice di condotta, adottato il 15 novembre 2016, ai sensi dell’art. 5 comma 1-ter, del decreto legislativo. n. 25/2008, che stabilisce particolari norme di comportamento sul piano etico e professionale.

 

SCARICA L'ORGANIGRAMMA (PDF)  

Guida pratica per richiedenti protezione internazionale in Italia