Tu sei qui

Ufficio I - Vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

Capo Ufficio Staff: Viceprefetto Antonella Buono  

Dirigente in posizione di staff: Viceprefetto Antonella Buono (reggente)

Casella di posta elettronica corporateantonella.buono@interno.it

                                                              dlci.vittime@interno.it

Casella di posta elettronica certificata: vittime.civili@pecdlci.interno.it

L’Ufficio I avvia, attraverso le Prefetture competenti per territorio, l’istruttoria delle pratiche per la concessione dei benefici economici alle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata di stampo mafioso. Esamina la documentazione pervenuta, quali atti giudiziari, rapporti delle Forze di polizia, relazioni e osservazioni necessari a chiarire la matrice dell’evento e ad accertare il possesso dei requisiti soggettivi in capo alla vittima e agli eventuali beneficiari per la successiva erogazione dei benefici.

In caso di documentazione concordemente positiva, incluso il parere del Prefetto, emette il provvedimento di concessione delle elargizioni di legge; in caso di documentazione unanimemente negativa emette un decreto di diniego alla concessione dei benefici previo avviso di rigetto dell’istanza (art. 10-bis legge n. 241/1990 come successivamente modificata), debitamente notificato agli interessati. Qualora vi siano obiettive ragioni di incertezza in merito alla sussistenza dei requisiti diversi da quello sanitario ai quali è subordinata la concessione dei benefici, può richiedere il parere all'apposita Commissione consultiva prevista dall’art. 11 del D.P.R. 510/1999.

Ha rapporti con le associazioni delle vittime, con le altre Amministrazioni competenti all’erogazione dei benefici per l’adozione di linee condivise, con gli enti pensionistici per le maggiorazioni sul TFR previste dalle disposizioni a favore delle vittime del terrorismo e dei loro familiari superstiti, ove si tratti di lavoratori autonomi, liberi professionisti e privati.

Inoltre, l’Ufficio istruisce le istanze per la concessione dell’onorificenza di vittima del terrorismo da parte del Presidente della Repubblica che sottopone, corredate da tutti gli atti e da una relazione, all’esame della citata Commissione consultiva per l’acquisizione del relativo parere (decreto-legge 1° ottobre 2007, n. 159, convertito con legge 29 novembre 2007, n. 222, all'art. 34, commi 2-bis, 2-ter e 2-quater). Provvede ad acquisire le medaglie d’oro e gli attestati attraverso il Poligrafico dello Stato. Mantiene rapporti con la Presidenza della Repubblica.

L’Ufficio partecipa, attraverso il dirigente, in qualità di esperto, come Focal Point per l’Italia alle riunioni dell’Ufficio Antiterrorismo delle Nazioni Unite per contribuire allo sviluppo di una piattaforma legislativa sul tema delle vittime del terrorismo, è stato inoltre designato come Punto di Contatto per l’Italia nell’ambito del Comitato per il Contrasto al Terrorismo (CCT) presso il Consiglio d’Europa per lo scambio di informazioni relative alle vittime; è Focal Point per l’Italia nell’ambito dei gruppi di Cooperazione in materia penale (COPEN) dell’Unione Europea per fornire una visione generale delle possibilità di supporto offerta dallo Stato alle vittime di terrorismo.

Il 9 maggio di ciascun anno è il giorno della memoria dedicato alle vittime del terrorismo.

 

  1. I procedimenti di competenza dell’Ufficio I.
  2. Benefici a favore delle vittime civili del terrorismo
  3. Benefici a favore delle vittime innocenti della criminalità organizzata di stampo mafioso